Agnese Colle:
l i b r i &
r e c e n s i o n i

Downloads correlati:

Nico Pepe

Nico Pepe

(…) Valeva dunque davvero la pena di conoscerlo meglio,questo personaggio. E Agnese Colle ha provveduto a saldare il debito. Il suo libro su Nico Pepe ricco di materiali e di stimoli è frutto di un intenso e appassionato lavoro di ricerca e individuazione dei tratti salienti dell’arte dell’attore. Si compone di due parti tra loro correlate: testimonianze di attori, di autori, critici e registi (tra gli altri Strehler e Squarzina, Calindri e Pellegrini, Mangini e Calendoli) : ricostruzione dell’attività teatrale e cinematografica di Nico Pepe; importanti sono anche un’antologia di scritti suoi, recensioni di spettacoli, cronologia teatrale, filmografia e bibliografia (…)

Fiorello Zangrando
6/3/1992 IL GAZZETTINO-VENEZIA

(…) Va dunque accolta con grande favore la pubblicazione di Agnese Colle, che riassume e ricorda tutta la sua prodigiosa operosità circondandola, inoltre,di illustri testimonianze. Ma il volume contiene anche una precisa filmografia ,una cronologia delle sue interpretazioni teatrali, un florilegio di recensioni, una bibliografia , una nota sulla sua biblioteca. Per concludere, rapidamente si può affermare che la varietà dei contributi e la ricchezza della documentazione,anche fotografica, danno un quadro veramente completo della multiforme attività di Nico Pepe. Il volume, dunque , potrebbe avere il sottotitolo,ovvio ma indiscutibile, di “una vita per l’arte”. Ma a parte la banalità della cosa,non se ne sente proprio il bisogno,poiché ciò è implicito e irrefutabile . In ogni riga del testo.

Mario Quargnolo
12/6/1992 IL MESSAGGERO VENETO

E’ la ricostruzione puntigliosa della vicenda artistica di quell’ attore fuori dalle righe che fu Nico Pepe, Pantalone per antonomasia nell’ ”Arlecchino “ di Strehler dopo aver recitato accanto ai maggiori interpreti del Novecento. Della sua multiforme attività di regista, direttore di teatri stabili, saggista, attore cinematografico ne raccoglie attenta documentazione Agnese Colle nel volume NICO PEPE con una importante partecipazione a testimonianza di colleghi,critici, registi, amici e con un nutrito corredo iconografico e il supporto di una puntigliosa cronologia documentante mezzo secolo di chi fu di scena.

Gastone Geron
6/9/1992 IL GIORNALE

A pochi anni dalla scomparsa di Nico Pepe, il celebre attore di origine udinese, grande interprete del ruolo di Pantalone , è apparso in libreria un interessante volume di Agnese Colle dedicato alla vita dell’attore friulano. Il libro è frutto di un lungo e difficile lavoro di ricerca durato più di tre anni e mette a disposizione del lettore tutta una serie di documentazioni altrimenti difficilmente reperibili, proprio perché sparse fra biblioteche e musei di città diverse. Il lavoro della Colle si è infatti svolto presso gli archivi di numerose istituzioni. Il libro della Colle è composto da varie sezioni che inquadrano l’attività di Pepe attraverso ottiche differenti. Il libro costituisce un piacevole quanto soddisfacente mezzo di approccio alla figura di Nico Pepe, anche se a una visione generale manca ancora una fetta molto importante. Come fa notare l’autrice, la biblioteca di Pepe, ricca di oltre quattromila volumi, specchio ineliminabile degli interessi e della cultura di un uomo, è a tutt’oggi inconsultabile.

Paolo Quazzolo
14/10/1992 TRIESTE OGGI

Arlecchino in viaggio con quelli dell'Arlecchino

ARLECCHINO IN VIAGGIO CON QUELLI DELL'ARLECCHINO

(…)”Forse un grande libro avrebbe potuto essere scritto su questa storia: la storia di un solo spettacolo, ripetuto ma non ricopiato quasi all’infinito” aveva scritto Strehler , dubitando che sarebbe successo. Invece pensieri, ricordi, impressioni, emozioni di tutti quegli attori che nel tempo hanno fatto parte dell’Arlecchino, si ritrovano ora nel libro di Agnese Colle ‘Arlecchino in viaggio con quelli dell’Arlecchino’ . Agnese Colle, dopo un testo introduttivo, propone la trascrizione di 63 interviste personalmente realizzate e curate nel corso degli ultimi (10) anni con coloro che, nei vari ruoli artistici e tecnici, operarono nell’Arlecchino servitore di due padroni a partire dal debutto . La distribuzione aggiornata e una bibliografia completano l’opera che ha uno straordinario valore documentario e di testimonianza.

13/6/1998 IL PICCOLO –TS

(…) Forse nessun altro lavoro è stato replicato così a lungo. Agnese Colle ha voluto fare una sorta di diario di queste rappresentazioni inseguendo con il registratore tutti quelli dell’Arlecchino che le è riuscito raggiungere in un lavoro decennale. Si tratta di sessanta e passa nomi. Strehler si dolse che non fosse uscito un grande libro su questa straordinaria esperienza durata cinquant’anni. Il saggio della Colle vede di rimediare alla dimenticanza. Notevoli poi le note biografiche di tutti quelli dell’Arlecchino: parecchio puntuali, tanto da costituirsi come una piccola enciclopedia biografica teatrale da tenere a portata di mano per chi ama il teatro.

Sergio Brossi
26/6/1998 VITA NUOVA

(…) il libro di Agnese Colle ripercorre la storia dell’Arlecchino servitore di due padroni ,ovvero dello spettacolo-cult con cui si è quasi identificata ,negli anni, l’attività del Piccolo Teatro di Milano e del suo primo artefice ,il regista Giorgio Strehler. Agnese Colle offre uno spaccato “dietro le quinte” del classico dei classici goldoniani, così come l’hanno vissuto gli interpreti del Piccolo Teatro.

Daniela Volpe
gennaio 1999 SPETTACOLO IN REGIONE E.R.T – F.V.G.

Strelher Privato

STREHLER PRIVATO

(…) Strehler privato ricostruisce il carattere, gli affetti,le passioni di un maestro della scena e della cultura del ‘900 europeo. Tutto quanto noi vediamo nel Fondo G.S. appartiene idealmente a quella cesta che i comici di un tempo portavano sempre con sé e che conteneva il loro mondo più segreto e dove vengono indagate anche le origini delle famiglie di Giorgio Strehler, gli slavi Lovrich, gli austriaci Strehler, i francesi Firmy, che per mano della studiosa Agnese Colle se ne ricostruisce un attento e preciso percorso che va da Zara a Nizza, a Vienna passando per Trieste in un arco di tempo che va dal 1921 al 1859.

3/4/2008 COMUNICATO STAMPA

(…) Un viaggio intrapreso per raggiungere mete di valorizzazione solo apparentemente individuate e fattibili. Il disinteressato impegno e la rara sensibilità e amore per il teatro di Agnese Colle sono stati il viatico che ha favorito la felice conclusione di questo viaggio.

Adriano Dugulin
14/12/2007 “ PRESENTAZIONE”

(…) che formidabile intrigo di affetti e toponomastica. Lo ha indagato attentamente Agnese Colle, che delle memorie della famiglia Strehler è l’altra vestale.

Roberto Canziani
14/12/2007 [RELIQUIE LAICHE, ILLUSION COMIQUE]

C o n t a t t i

P r i v a c y

** Ai sensi della Legge sulla Privacy vigente, il soggetto, autorizza il trattamento dei propri dati personali che non verranno in alcun modo resi pubblici e/o forniti ad altre entità diverse da summermusic team che ne garantisce la custodia.

C o p y r i g h t

Tutti documenti, tuttle le immagini sono di proprietá di Agnese Colle e sono protetti da dirritti di autore.
Ne é vietata la riproduzione anche parziale ...